Qualcosa Degenere

Cronache quotidiane di degenerazione sinaptica

Stanotte ho sognato che avevo trovato lavoro come pilota di un piccolo biplano per il rilascio di scie chimiche e che stavo sorvolando la zona del beneventano pronto a rilasciare una sostanza per il controllo della mente che avrebbe costretto tutta Torrecuso a canticchiare nervosamente la canzone “Tiptoe Through the Tulips” fino allo sfinimento, ma, quando aziono la leva, dall’ugello esce fuori solo un piccolo sbuffo di polvere tipo borotalco. Tornato all’hangar vi trovo ad aspettarmi Gianluigi Paragone che asciugandosi nervosamente le mani sporche di grasso dà uno sguardo veloce al cofano e già capisce che mi è saltato lo spinterogeno. 

Stanotte ho sognato di essere stato assunto come programmatore di Google Plus e che l’ufficio era strutturato come uno di quei gruppi di auto aiuto, tipo alcolisti anonimi, e che tra gli altri c’era il marito di Roberta Ragusa che piangeva. Come piangeva!

Stanotte ho sognato che stavo alla settimana della moda in compagnia di Osvaldo Bevilacqua e Luca Sardella, i quali al termine della sfilata di Marc Jacobs mi hanno guardato sconsolati e mi hanno accusato di non essere abbastanza hipster.

Parcheggio perfetto!

3nding:

Mi sono permesso di prendere soltanto l’intervento di venti minuti di madonnaliberaprofessionista da quel mattone di oltre un’ora e un quarto della puntata odierna de La Zanzara così non dovete ascoltarlo tutto ma arrivare direttamente al sodo.

(Source: emmanuelnegro, via tezenisyamamay)

Confronti

Anonymous said: A 11 anni ho incominciato a prendere le goccie per dormire poi compiuti i 12 ho incominciato a prendere le goccie per lo stress e delle goccie a base di fiori di bach per far crescere la mia autostima ,a 13 incomincio a tagliarmi,15 ho deciso di -->

stanca-da-tutto-e-tutti:

nonvoglioperdertineoranemai:

gliocchituoiparlano:

—-》A 15 ho deciso di non sorridere più.

E sai che ti dico?
Che a 16 anni penserai che quella di non sorridere più era una cosa impossibile.
A 17 troverai la ragione del tuo sorriso, che sia un’amica o un ragazzo.
A 18 capirai di avere una vita meravigliosa davanti.
A 19 comincerai a desiderare di fare un lavoro che ti piaccia.
A 20 guarderai indietro la tua vita e penserai: ” Posso sorridere, ce l’ho fatta.”

Oddio, è bellissima.

Cristo, che bella.

Semmai a 21 anni imparerai a scrivere correttamente la parola “gocce”.